Creare immagini interattive con ThingLink

Esempio di un'immagine interattiva creata con ThingLink, i mercatini di Natale in Gran Bretagna

Creare immagini interattive

 

ThingLink è un ottimo strumento gratuito che consente di applicare tag interattivi alle immagini. Il funzionamento è davvero molto semplice: è sufficiente infatti effettuare l’upload del file desiderato per poi decidere in quale posizione inserire i link. Il risultato è quello di un’immagine con link interni che può essere condivisa o incorporata in un altro sito web.

I servizi integrabili con ThingLink sono davvero tanti e comprendono tra gli altri YouTube, Vimeo, TED, Google Maps, Wikipedia, Facebook, Twitter, Flickr, Instagram e SoundCloud. Per una lista completa è possibile consultare questa pagina .

 

Ecco un esempio


 

 

 

Creare screencast professionali gratis con Active Presenter

Active Presenter

Active Presenter

 

 

 

 

 

 

L’utilizzo di screencast sta prendendo piede sempre più nella didattica.  Di norma utilizzati come manuale d’istruzioni per l’utilizzo dei software, gli screencast possono rivelarsi di grande utilità anche nella didattica per creare delle vere e proprie guide per gli studenti, comodamente consultabili da casa.

Tuttavia la maggior parte dei tools gratuiti presenti in rete non permette di raggiungere risultati abbastanza soddisfacenti perché nelle versioni free non sono previste funzioni che consentono una maggiore personalizzazione dei video.

Active Presenter contiene nella sua versione gratuita quasi tutte le features principali di quella Professional.

Oltre alla funzione di editing del video, Active Presenter dà la possibilità di inserire forme, testo, commenti, domande (previsto anche l’export in Scorm), highlight, zoom, slide vuote e molto altro. I progetti possono poi essere esportati in vari formati video (avi, wmv, mpeg4, WebM), flash, html ed anche in doc (molto utile per creare guide illustrate con tanto di indice).

Qui trovate la lista completa delle funzioni, mentre per scaricarlo (solo Windows purtroppo) cliccate qui.

Skitch: annotare, creare e disegnare su iPad e Android

Skitch

Skitch

 

 

 

 

 

 

Skitch  è un’applicazione gratuita sviluppata da Evernote che permette di annotare e disegnare su immagini, mappe e pagine web. Una volta selezionata la foto sarà possibile disegnare a mano libera o inserire frecce, testo o forme.

Come già detto queste funzionalità sono applicabili anche a screenshot da web e mappe; in alternativa Skitch consente anche di partire da un documento vuoto. Il tutto può poi essere salvato sul dispositivo  o condiviso via Twitter, mail o Evernote.

Skitch è disponibile gratuitamente su App Store e su Android Market

 

 

 

Prezi Viewer si aggiorna con importanti novità

prezi viewer

prezi viewer

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prezi, di cui si è parlato qui, è una delle migliori web application per creare presentazioni. Fino a poco tempo fa la versione per iPad, Prezi Viewer, consentiva unicamente di visualizzare le presentazioni salvate nel relativo account, senza possibilità di effettuare modifiche.

Con l’arrivo dell’ultima versione invece, pur non potendo ancora creare un vero e proprio prezi, è possibile apportare modifiche quali text editing, forma, dimensioni e rotazione degli oggetti.
Infine è stata migliorata la modalità di presentazione ed introdotta la possibilità di importare i prezi salvati in locale tramite iTunes.

Prezi Viewer è disponibile gratuitamente su App Store.

Open Texbooks, idee su come crearli con WordPress o MediaWiki

open textbooks

open textbooks 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimamente mi sto interessando agli Open Textbooks, libri di testo open source forniti gratuitamente o senza scopo di lucro dagli autori. La mia attenzione si sta concentrando sugli strumenti per crearli e in particolare su alcuni plugin di WordPress e MediaWiki che permettono di esportare siti o parti di essi in formato pdf, epub ed xml, generando così un libro vero e proprio. Non appena avrò avuto modo di testarli ne parlerò più approfonditamente nel blog.

Riporto intanto una breve ma chiarissima presentazione sull’argomento di Scott Leslie di Edtechpost